Come nasce un corso di cucito

Come nasce un corso di cucito

Oggi voglio portarti dietro le quinte di un corso di cucito. Perché ciò che vedi online o partecipando a uno dei workshop, è solo la punta dell’iceberg. Ho ricominciato da qualche mese a tenere corsi di cucito per bambini, e a partire da questa settimana anche per adulti, e adoro tutte le fasi che mi portano, infine, a condividere le mie macchine da cucire e la mia passione per il cucito.

1- Il progetto del corso di cucito e la data

Pianificare è il mio mantra. Trimestralmente, definiamo calendario alla mano le date dei prossimi corsi, insieme ai partner con cui collaboro. Oltre alla data, definisco subito anche i progetti che cuciremo. Presto sempre attenzione a date importanti, ad es. la stagione natalizia, la festa della mamma, che mi permetteranno di definire progetti più specifici.

2- I materiali necessari

Dopo aver definito i progetti, penso subito ai materiali che servono. Prima di acquistare nuovi tessuti, faccio un giro nell’armadio delle stoffe ma bisogna subito fare dei calcoli dei metri che serviranno per non restare senza se si tratta di scampoli. Oltre al tessuto che servirà per i kit dei partecipanti al corso, considero anche quello per il prototipo (potrei dover fare più di una prova). Scelto il tessuto, abbino subito i filati e segno su una lista della spesa ciò che manca.

Materiali tessuto filo per cucire

3- Cucire il progetto

Un mese prima dell’evento, cucio il progetto. Disegno prima il cartamodello e faccio delle prove. Quando sono soddisfatta, si passa alle foto!

GCiletta_rocchettiepois_tutorial_portacellulare_vera_pelle__singer

4- Shooting

Anche se le foto che faccio ai progetti sono semplici e con pochi fronzoli, da queste dipenderà poi molto della riuscita del corso. Una bella foto è probabile che spinga ad iscriversi al workshop. Se il progetto ha dettagli particolari, mi soffermo su quelli. Fatte le foto si passa all’editing e poi al ridimensionamento a seconda che vadano a finire poi sui social, sulla newsletter o sulle chat di messaggistica.

5 – Le grafiche per la comunicazione e la promozione online

Dopo aver modificato le foto, si passa all’azione vera! Creo le grafiche del singolo corso che conterranno tutte le informazioni (luogo, data, ora, costo). Programmo poi i post di promozione sui social, scrivo la newsletter e programmo anche il suo invio. Solitamente, chi è iscritto alla newsletter riceve un’anteprima di qualche giorno in modo da avere priorità sull’iscrizione. I posti sono sempre limitati! Per ciascun corso creo anche una pagina di prenotazione sul sito in modo che ci si possa registrare compilando un modulo di contatto. Pagina che poi viene linkata non solo nella newsletter ma anche nel link in bio su Instagram. Questi link vanno quindi costantemente aggiornati.

Canva corso di cucito

6- Gestione prenotazioni

2/3 giorni prima del workshop, io o il partner che ospiterà il corso verifichiamo gli iscritti e le iscritte verranno al corso. Un passaggio importantissimo per evitare di tagliare kit che rimarranno poi inutilizzati.

7 – Preparazione dei kit

Certa del numero di iscritti, taglio i kit. Ai miei workshop di cucito non è necessario portare nulla da casa. Si ha a disposizione una macchina per cucire (per gli adulti), accessori e materiali che serviranno alla realizzazione del progetto.

Cutter cucito

8 – Preparazione degli accessori per il cucito e le macchine da cucire

A proposito degli accessori, a seconda del progetto, porto con me degli accessori specifici. Ad es. potrebbe servire la Vario Creative Tool o la taglia e cuci. Un’azione super rilassante è la manutenzione delle macchine da cucire. Tutte vengono pulite e infilate con il filo che servirà prima del giorno del corso.

Accessori per cucire

Direi che è tutto pronto! Adesso bisogna farci stare tutto in macchina 🙂

Dimmi un po’, ti aspettavi tutto questo prima di un corso di cucito? Lasciami il tuo commento!

Ci vediamo ad Abilmente Torino!

Ci vediamo ad Abilmente Torino!

Sapete bene che da qualche mese ci siamo trasferiti a Catania, dopo aver vissuto a Torino per 12 anni. Eppure Torino sarà una città che visiteremo spesso. La prima occasione per tornarci è Abilmente Torino! Sarà per me un momento di inizio: tornerò finalmente a tenere dei workshop di cucito dal vivo, che avevo interrotto durante il Covid.

Cosa cuciremo insieme?

Il progetto che ho scelto di cucire con voi è uno zaino con patta. E’ leggero ma strutturato perché il tessuto principale è un denim idrorepellente. Ciò vuol dire che puoi indossarlo anche se piove! Ha degli spallacci confortevoli in 100% cotone e si chiude con un bottoncino magnetico, oltre ad avere all’interno cordino ed occhielli. Dimenticavo! Ha anche una tasca con cerniera nascosta sulla schiena.

cerniera schiena zaino

Imparerai ad usare la nuova Creative Vario Tool di Prym

C’è una novità in casa Prym! La nuovissima Creative Vario Tool, uno strumento che ti permetterà con facilità di forare e attaccare occhielli, rivetti, bottoni a pressione in metallo e plastica. Nello specifico, potrai provarla per inserire gli occhielli.

Occhielli prym acciaio

Potrai scegliere il tessuto per la patta

Ognuno ha i suoi gusti. Per questo Maison Mael ha scelto per me tre tessuti che potrai utilizzare per la patta. Sono uno più bello dell’altro ed anche io ci ho messo un po’ a scegliere il mio preferito. Si tratta di tessuti canvas 310 gr.

Tessuti canvas Maison Mael

Quando si svolgeranno i workshop?

Sarò in fiera sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre. Potrai scegliere se prenotarti per il workshop del mattino o del pomeriggio. Trovi qui tutti gli orari. Se vuoi prenotarti, ti chiedo di farlo usando questo modulo.

zaino con patta abilmente torino

Cosa è incluso nel corso?

Tutti i materiali che serviranno per la realizzazione dello zaino con patta sono inclusi. Avrai anche a disposizione:

  • una macchina da cucire Singer offerta da Safarà
  • gli accessori per il cucito più belli di sempre grazie a Gutermann e Prym
  • un regalo da parte mia (un piccolo pacchetto sorpresa)
  • uno sconto esclusivo per acquistare i tessuti per i tuoi prossimi progetti da Maison Mael.

Nike e zaino

Perché venire ad Abilmente?

Poterci rivedere e cucire insieme è solo uno dei 1000 motivi per cui dovresti venire ad Abilmente. E’ si una fiera, ma è molto di più! E’ un’esperienza multisensoriale che ti farà fare il pieno di felicità. Non si vede dalla mia faccia qui sotto? Sarà l’occasione per saltare dentro le tue arti creative preferite, per incontrare i volti che segui sui social e sicuramente fare provviste per l’inverno!Photo boot abilmente

Allora, ci vediamo ad AbilmenteTorino? Puoi acquistare il biglietto d’ingresso qui.

Per un 2018 pieno di creatività e di cucito

Per un 2018 pieno di creatività e di cucito

Finalmente in Sicilia!

Le vacanze di Natale sono sempre state per me un momento di profonda riflessione. Torno sempre in Sicilia per qualche giorno, staccando la spina dalla quotidianità. Si tirano le somme dell’anno ormai quasi trascorso e si fanno progetti per i 12 mesi alle porte, mangiando pandoro e schiacciate H24.

Il mio 2017 e i corsi di cucito creativo

Per rocchettiepois il 2017 è stato un anno decisivo, pieno di nuove esperienze (alcune incredibili!) e tante gioie.
Pian piano sto comprendendo quale sia la mia strada.
In questo percorso personale e professionale è stato certamente decisivo l’ incontro con Daniela, che ha un bellissimo negozio (Cuciricuci) a Torino pieno di accessori e macchine da cucire, uno di quei posti in cui perdi la cognizione del tempo, tra un corso di cucito o di maglieria e una tisana calda. È stata lei, la scorsa primavera, a invitarmi a tenere qualche corso. Vi confesso che ero molto titubante e ci ho riflettuto per qualche giorno, non credevo di esserne all’altezza. Dopo il primo appuntamento, però, non vedevo l’ora che arrivasse il prossimo!

Dei corsi di cucito adoro ogni step, dalla pianificazione dei progetti alla preparazione dei kit e dei cartamodelli, a cui dedico molta cura fino al momento del corso, quando felicità e divertimento prendono il sopravvento. (Ho fatto anche la rima!)

I corsi di cucito hanno allargato i miei orizzonti: posso trasmettere la passione e l’amore per quello che per me all’inizio era un hobby, non più soltanto attraverso le creazioni che vendo sullo shop, ma anche, e soprattutto, mostrandovi quello che finora ho imparato su questa forma d’arte meravigliosa.

I buoni propositi per il 2018

Adesso vengo al punto, alla ragione di questo post che scrivo principalmente per illustrarvi alcuni dei miei obiettivi per l’anno nuovo. Qualche giorno fa ho letto l’ultimo post di Francesca Baldassarri, la quale ci propone un bel gioco: #20cosebelle. Leggete qui per scoprire di cosa si tratta. È un ottimo modo per ripercorrere il vostro 2017 e riflettere su ciò che vi aspetta.

Voglio condividere con voi alcune delle dieci cose belle che vorrei accadessero nel mio 2018!

– Far crescere questo nuovo blog: rocchettiepois si evolve! I corsi di cucito sono degli eventi offline dove l’incontro fra le persone e lo scambio di conoscenze fanno da protagonisti. Vorrei ricreare qualcosa di simile anche online su questo sito e costruire un blog che parli di cucito, partendo dalle basi, illustrandovi uno ad uno gli accessori che non possono mancare nella vostra sewing room. Ci sarà un appuntamento mensile con la rubrica “Il cucito e i suoi accessori”!

– Trovare il tempo per cucire dei capi di abbigliamento da aggiungere al mio armadio, partendo ovviamente da modelli super basic, e far parte del movimento #fashionrevolution per una moda più consapevole. Vi terrò aggiornate sui work in progress.

– Continuare a tenere dei corsi da Cuciricuci.

– Passare a una macchina da cucire elettronica.

– Lanciare due nuovi articoli nello shop.

Forse per alcune di voi questi sono obiettivi facilmente raggiungibili, ma per me la situazione è un po’ più complicata, lavorando full time e volendo anche dedicare la maggior parte del tempo libero alla mia famiglia. Non dimentichiamoci, però, che rocchettiepois è nato quasi per gioco, una sfida che ha dimostrato a me stessa che è possibile alimentare questa mia grande passione senza trascurare i miei cari né il lavoro.

Con quest’ultimo pensiero vi saluto e vi auguro un 2018 pieno di… creatività e cucito!

Ci rivediamo a gennaio con il primo post della rubrica “Il cucito e i suoi accessori”!