La blusa Jen Lindley di Republique Fabrique diventa abito

La blusa Jen Lindley di Republique Fabrique diventa abito

Con grande orgoglio, torno a mostrarvi un nuovo capo di abbigliamento che ho cucito. Mesi fa ho acquistato il cartamodello Jen Lindley di Republique Fabrique, proprio durante il suo lancio! Questo modello è dedicato alla trasgressiva adolescente di Dawson’s Creek, ve la ricordate?

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique

Cosa include il cartamodello

All’interno di una preziosa scatola, trovate:

  • un libretto con le spiegazioni per l’assemblaggio del capo, passo dopo passo. L’ultima pagina è, invece, dedicata alle misure e alla loro corrispondenza in taglie. La scatola ha all’esterno un’immagine del modello scelto ed ha sul lato un’etichetta. La mia collezione conta già due cartamodelli di Republique Fabrique e l’etichetta con il nome del modello è molto utile per distinguerli ed ordinarli su una mensola, come fossero dei libri.
  • Oltre al libretto, c’è il cartamodello ripiegato, in una carta velina molto spessa.
  • Dettaglio che mi ha reso molto lieta: la palette ispirazionale, dei ritagli di tessuto di diverse fantasie e materiale per aiutarvi nella scelta della stoffa

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_team_fabrique

Come trasformare la blusa in un abito

Da subito ho immaginato la blusa Jen Lindley trasformata in abito. Grazie al taglio molto semplice, è stato un gioco da ragazze! Dopo aver preso le misure standard necessarie alla selezione della taglia, ho misurato dalla spalla fin sopra il ginocchio: 92 cm. Quando ho ricalcato il cartamodello, ho allungato i fianchi fino a 92 cm. Mi sono aiutata con la squadra Prym 15 x 60 cm. Il mio è un abito dritto, ma se vi va, potete anche renderlo più svasato.

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_squadra

Tessuto e taglio

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_team_fabrique_the_color_soup

Per realizzare il mio abito, ho stampato su The Color Soup una grafica di Insunsit. Ho scelto il popeline di cotone, un tessuto leggero di cotone freschissimo e morbido, anche se compatto. E’ perfetto per cucire camicette, abiti, tuniche, fazzoletti, tovaglioli o bandane. Ho fissato sul tessuto piegato in doppio le parti del cartamodello, come illustrato nel libretto, ed ho tagliato. Mi raccomando, ricordatevi di trasferire sempre le tacche prima sulla copia del cartamodello e poi sul tessuto.

Taglia e cuci, è il tuo turno

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_singer_taglia_e_cuci

Prima di iniziare l’assemblaggio, ho rifinito con la taglia e cuci i fianchi, le spalle, i tre lati dritti delle maniche, le fasce per le balze, il retro del mio vestito. Ammettiamolo, la cucitura della taglia e cuci rende professionale anche un capo cucito con mani inesperte. Non è senz’altro una macchina semplice da utilizzare, ma una volta capito il meccanismo non ne farete più a meno.

Via, si cuce!

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_singer_c430

Sono stata una bravissima alunna ed ho seguito tutti i passaggi elencati da Elena e Francesca. Tranne uno…

Non imbastirò mai!

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_pinze Prym

Arrivata alle maniche mi sono divertita un sacco. Adoro le rouges! Con la macchina da cucire ho fatto una cucitura con punto molto largo, ho tirato uno dei due fili e voilà! Le fasce si sono arricciate. Per cucirle alla manica, le ho fissate mooolto attentamente (come si vede in foto) con le pinze per tessuto Prym. Bisognava poi imbastire le maniche al vestito, ma no! Non l’ho fatto! Ho fissato il tutto con 225166164566 spilli ed è andato tutto bene! Elena, maestra cattiva, perdonami! Francesca, so che tu puoi un po’ capirmi!!

GCiletta_rocchettiepois_abito_jen_lindley_republique_fabrique_maniche

Dunque, che ne dite del mio abito Jen Lindley? Adesso però, va fatta anche la blusa!

P.S. trovate qui e qui gli altri due capi di abbigliamento cuciti da me!

Singer C430: il nostro è vero amore

Singer C430: il nostro è vero amore

Io e la Singer C430 facciamo coppia ormai da tre mesi. Mi sembra sia passato abbastanza tempo per potervi svelare tutte le caratteristiche migliori di questa macchina da cucire elettronica!

E’ computerizzata

La prima fondamentale differenza fra la nuova Singer C430 e la mia vecchia (ma fedele amica) Singer Tradition 2282, sta nel fatto che questa è una macchina da cucire computerizzata. Ha uno schermo LCD con guida per assistenza alla cucitura che mostra il punto in azione, larghezza e lunghezza selezionati, piedino raccomandato e molto altro! Con il tasto start/stop si può cucire senza utilizzare il pedale ed è utilissimo soprattutto durante i workshop di cucito creativo per i bambini: a volte sono così piccoli da non arrivare con i piedi al pedale! Ma oltre al pedale ed al tasto start/stop, per avviare la cucitura, troverete sulla destra la manopola per cucitura a mano.

Gciletta_rocchettiepois_macchina_da_cucire_singer_c430_tasti

La barra per il controllo della velocità è fondamentale quando si cuce senza pedale. L’andamento può, però, anche essere rallentato dal tasto tondo centrale che funge anche da Ago Su-Giù. In pratica, potreste non utilizzare mai la manopola laterale quando siete in prossimità di un angolo. Alla sinistra di questo tasto, troviamo la marcia indietro che uso sempre all’inizio ed alla fine di ogni cucitura per fermare il punto. Ultimo tasto a destra, il mio preferito, il tagliafilo! Posso dirvi che è una di quelle funzioni che più ho apprezzato.

Infila ago automatico e porta bobine con coperchio

Preparare la macchina da cucire alla cucitura non è mai stato così semplice. Nella scatola, ho trovato la Quick Guide che illustra come riempire la bobina inferiore e come infilare la macchina. Con l’infila ago automatico è un attimo, le mie nonne impazzirebbero! In più, grazie alla bobina inferiore a vista, saprai sempre quando il filo sta per finire, evitando così che succeda a 5 cm dalla fine del tuo progetto! Anche a voi è capitato, vero?

Gciletta_rocchettiepois_macchina_da_cucire_singer_c430_bobina

Puoi cucire a braccio libero

Il piano d’appoggio è estraibile, utile per cucire maniche o pantaloni. Nascosta, si trova la leva abbassa griffe: quei dentini che accompagnano il tessuto indietro ad ogni punto. Quando abbassare le griffe? Potrebbe essere necessario per cucire bottoni o per il free motion.

Gciletta_rocchettiepois_macchina_da_cucire_singer_c430_slowmotion

E’ robusta, ma puoi portare la Singer con te

Questa macchina da cucire è proprio forte! Ha un telaio in metallo che la rende robusta e molto durevole. Potrai, comunque, spostarla facilmente dal piano di lavoro grazie alla maniglia. Se organizzerete una giornata di cucito con le amiche, farete un figurone!

Ciao, posso cucire 810 punti diversi

Due pulsanti indicano la scelta del tipo di punto: base o decorativo. Scriverò dei post dedicati ai vari punti. Per adesso immaginate che posso cucirne 810 diversi, fra cui anche punti elasticizzati, 13 asole in un solo passaggio e, fra i punti decorativi, anche 5 tipi di carattere per cucire lettere e monogrammi. I punti possono anche combinarsi alle lettere per infinite possibilità di personalizzazione.

Gciletta_rocchettiepois_macchina_da_cucire_singer_c430_punti

Gli accessori inclusi

C’è un cassetto delle meraviglie con numerosi accessori inclusi, da tenere sempre a portata di mano. Cinque piedini: piedino multiuso, piedino per cerniere, piedino per orlo invisibile, piedino per punti pieni, piedino per asole. Due ferma rocchetti: grande e piccolo. Poi anche, spoletta ausiliaria e rondella di feltro, aghi, bobine (classe 15), cacciavite per placca ago, taglia asole / spazzolino

Gciletta_rocchettiepois_macchina_da_cucire_singer_c430_accessori

Le istruzioni sono online

Se siete interessate a scoprire di più sulla mia nuova Singer C430, vi consiglio di dare un’occhiata al manuale di istruzioni che si scarica online a questo link.

Tutorial fermacavi con bottoni automatici in metallo

Tutorial fermacavi con bottoni automatici in metallo

Addio cavi intrecciati! Inauguriamo la rubrica “tutorial 2020” con un progetto perfetto anche per chi non ha mai cucito: fermacavi in tessuto.

Due rettangoli 6×17 cm

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_cotone

Ci serviranno due rettangoli di stoffa di 6×17 cm. Scegli un tessuto fermo, un cotone sarebbe perfetto. Su The Color Soup ho stampato un twill di cotone 290 gr ideale per borse, astucci, biancheria per la casa tipo tovaglie o runner. La grafica con le rondini è di Silvia di Illumino Home Ideas.

Spilla e vai!

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_spilli

Spilla tre lati ed effettua una cucitura dritta. Ricordati di fermare la cucitura all’inizio ed alla fine e di lasciare un lato corto aperto.

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_macchina_da_cucire_singer

Taglia gli angoli del fermacavi

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_forbici

Una volta cucito, taglia tutti e quattro gli angoli. Ti agevolerà nel prossimo step!

Rivoltare non è più un dramma con il kit

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_cotone_kit_rivoltare

Per rivoltare, ho usato il kit Prym della linea Prym Love. Basta inserire la parte di plastica all’interno del tubolare, mentre il bastoncino in legno va in sua corrispondenza ma all’esterno.

Stira e cuci

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_cotone__forma_angoli

Dopo aver rivoltato per bene e tirato fuori gli angoli utilizzando il forma angoli, ribatti tutto intorno. In questo modo, chiuderai il lato che avevamo lasciato aperto in precedenza. Con una matita, fai un segno in corrispondenza del punto in cui vuoi mettere il bottone. Con la pinza per forare, fai un buco.

Come attaccare i bottoni automatici in metallo

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_cotone__pinza_vario

E’ l’ora dei bottoni automatici. Non ci crederete, ma attaccarli è davvero un attimo con la pinza Vario di Prym. Nella confezione di bottoni troverete anche gli adattatori per la pinza e sul retro tutte le istruzioni con tanto di disegno 🙂

Gciletta_rocchettiepois_tutorial_fermacavi_cotone__pinza_vario

I pezzi da assemblare sono 4, tutti diversi. Basta un click ed è fatta! Per progetti di cucito creativo, ho finora utilizzato i bottoni a pressione in plastica, trovate qui un post dedicato al loro assemblaggio. Se li avete in casa, potete usare anche quelli. Per chi non avesse la pinza Vario, potrà semplicemente sostituire i bottoni con del velcro.

La mia borsa ringrazia, con i fermacavi ora è tutto più in ordine!

Tessili per la casa “Classic Blue”: colore Pantone 2020

Tessili per la casa “Classic Blue”: colore Pantone 2020

Da “Living Coral”, Pantone 2019, a “Classic Blue” 19-4052 scelto per il 2020. Eleganza e semplicità racchiuse in una tonalità di blu senza tempo. Sono più di 20 anni che il Pantone Color Institute influenza con il Pantone Color of the Year lo sviluppo dei prodotti e le decisioni in materia di acquisti in svariati settori, come l’arredamento di interni, il design industriale e la moda.

Tessili per la casa Classic Blue

Nell’arredamento d’interni, il blu è un colore che si adatta a tutti gli stili: dal classico, al moderno. In più, è in grado di influenzare l’umore. Essendo il colore di mare e cielo, ha effetti calmanti e stimola fiducia e creatività. Se non lo hai già fatto, è il momento di aggiungere un tocco di blu in casa! Ecco una moodboard di tessili per ispirarti:

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casaCuscino CARRE’

Firmato l’Opificio, è cucito su misura in Italia al momento dell’ordine. Ha un morbitd profilo in velluto che si abbina al tessuto jacquard a pattern astratto. Disponibile in varie dimensioni, prezzo a partire da 81,00 €

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casa_cuscino_opificio

Plaid MARISSA

Se anche per te il divano non ha senso senza una copertina sopra, potrai dare un tono di blu al tuo soggiorno con il plaid in cotone Maison du Monde. Misura 160×210 cm e costa 59,99 €.

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casa_coperta_plaid

Copripiumino ODIN

Il pattern geometrico è stampato su entrambi i lati. E’ in 100% cotone certificato Oeko Tex Standard 100. Disponibile online su La Redoute in varie misure a partire da 42,39 €

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casa_copriletto

Tappeto TRANGET

Tessuto a mano, utilizzando 100% lana, da artigiani esperti in centri di tessitura organizzati di India e Bangladesh, che offrono buone condizioni di lavoro e salari equi. IKEA ha creato un prodotto che combina varie sfumature di blu e si adatta ai più svariati ambienti. Misura 170×240 cm e costa 199,00 €

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casa_tappeto_ikea

Tovaglietta MASAI BLUE

La collezione Masai di Villa d’Este Home Tivoli ha una forte anima etnica. Questa tovaglietta è in poliestere antimacchia, perfetta per colazione ma anche per arricchire la tavola durante una cena. Misura 33×48 cm e costa 4,00 €.

Gciletta_rocchettiepois_pantone2020_tessili_per_la_casa_tovaglietta

 

Outfit di Capodanno made with love

Outfit di Capodanno made with love

La notte più attesa dell’anno è vicina! E voi cosa indosserete a Capodanno? Se non avete ancora preso una decisione, vi propongo 5 imperdibili outfit made with love in Italia.

1. Vestito Elena rosso brillantini

Se vuoi risplendere, devi assolutamente sceglierei un tessuto che luccichi. Questo abito in maglina di lana rosso mattone con filo di lurex sarebbe perfetto! Ha una gonna ampia e tasche invisibili, così potrai tenere con te lo smartphone per il selfie della mezzanotte. l’amoreèovunque è un brand e laboratorio sartoriale di Beatrice, mamma e artigiana di Varazze.

Gciletta_rocchettiepois_outfit_capodanno_rosso

2. Gonna midi rosa antico

E’ un modello elegante e romantico con elastico in vita colore oro. Si abbina molto bene al nero, ma io la vedrei anche con una blusa leggera color crema. Chi si nasconde dietro Miurcilla? Due sorelle gemelle e la loro passione per la natura, le illustazioni e le favole.

Gciletta_rocchettiepois_outfit_capodanno_gomma_rosa_antico

3. Camicetta Miss tea

Stefania di Colibrin ha realizzato la camicetta Miss Tea in cotone con stampa illustrata a mano. Teiere e tazzine retrò sono le protagoniste su uno sfondo azzurro polveroso quadrettato. Potrai scegliere se aggiungere il nastrino di velluto al colletto o se lasciarlo semplice. Io la immagino sopra un bel pantalone palazzo dorato super luccicante, e voi?

Gciletta_rocchettiepois_outfit_capodanno_camicetta_azzurra

4. Tuta in ciniglia verde

Questa tuta di Abricot Atelier è in morbida ciniglia e sembra comodissima. Può essere indossata con le spalle scoperte oppure con una maglia o camicetta sotto. Il dettaglio più bello? La schiena scoperta e le bretelline che si incrociano! Andate sullo shop di Giulia per vedere qualche foto in più.

Gciletta_rocchettiepois_outfit_capodanno_tuta_ciniglia

5. Vestaglina di tartan

Io odio Capodanno!! Ecco, l’ho detto. E’ per questo che l’unico outfit che in realtà vorrei indossare è una bella vestaglina in tartan, nata da una collaborazione fra Republique Fabrique e la mitica Tegamini. Ma non è mica una vestaglia come le altre. Ha le maniche a sbuffo e due balze sul davanti.

Gciletta_rocchettiepois_outfit_capodanno_vestaglia_tartan

Potete trovare qualche altra idea anche nella sezione handmade shopping del blog!